::  ORIENTAMENTO- Presentazione

La laurea specialistica in Scienze del libro, della biblioteca e dell'archivio si propone di formare una figura professionale che vada ad inserirsi, ad alto livello, nei settori di biblioteche, archivi e centri di documentazione, sia pubblici che privati; che possa operare in imprese e cooperative di servizi per biblioteche e archivi, librerie e agenzie di abbonamenti, case editrici, società di editoria multimediale e web design, produttori e gestori di banche dati e servizi informativi elettronici; o anche che lavori come libero professionista o, come già sta accadendo, crei piccole imprese o cooperative che offrono sul mercato una varietà di servizi nel campo della cultura, dell'informazione e della comunicazione.

Per permettere di affrontare questa molteplicità di sbocchi e opportunità, la LS offre una formazione completa, che affianca ad un solido impianto umanistico una vasta gamma di competenze archivistiche, biblioteconomiche e documentalistiche. Il laureato SLBA nel settore delle biblioteche dovrà infatti possedere:

    * competenze specifiche proprie del necessarie per la direzione e organizzazione degli interventi professionali (organizzazione dell'ente, catalogazione e classificazione, conservazione, ecc.) e il trattamento delle varie tipologie di documenti, dal libro antico ai documenti d’archivio, al materiale multimediale, ecc. (almeno 90 crediti);
    * una formazione generale di carattere storico e letterario (almeno 35 crediti)
    * conoscenze giuridico/legislative pertinenti al campo dei beni culturali, e più specificamente a biblioteche e archivi (almeno 5 crediti);
    * conoscenze di informatica di base (saper usare un computer e i suoi principali strumenti: videoscrittura, fogli di calcolo, database, presentazioni; email; web browsing) e capacità più specifiche delle tecnologie dell'informazione (nozioni di reti e multimedialità, conoscenza e utilizzo di opac, realizzazione di siti web) applicate comunque ai beni culturali (almeno 5 crediti);
    * conoscenze economiche di tipo storico e/o di gestione degli istituti culturali (almeno 5 crediti);
    * l'acquisizione di capacità specifiche anche operative attraverso stages o tirocini obbligatori, svolti in accordo con enti pubblici o privati (almeno 10 crediti per un totale di 250 ore);
    * conoscenza di due lingue dell'Unione Europea, oltre all'italiano: è obbligatoria la conoscenza della lingua inglese, mentre l'altra lingua è a libera scelta dello studente (5 crediti per ciascuna lingua)
    * la capacità di svolgere un lavoro di ricerca originale individuale e di esporne metodologia e risultati in una tesi di laurea (30 cediti).

    Accanto a queste competenze da acquisire, la LS affianca 95 crediti, che lascia alla scelta dello studente all'interno di una vasta gamma di settori, di tipo umanistico ma non solo, e che tipicamente saranno occupati in parte o del tutto dalle materie a scelta della laurea di provenienza.

    La LS è rivolta in particolare a tutti i laureati che hanno seguito studi di carattere umanistico e desiderano una specifica destinazione professionale:

      * i laureati in Scienze dei beni culturali (curricula Archivistico-documentale o Biblioteconomico-bibliografico) si vedono riconosciuti tutti i 180 crediti della laurea di provenienza;
      * tutti gli altri laureati della Facoltà di lettere, vecchio e nuovo ordinamento, di solito possiedono i 120 crediti utili necessari per iscriversi, e quindi accedono con un debito di circa 15 crediti.
      Fanno eccezione i laureati in Conservazione dei beni culturali (indirizzo Archivistico-librario), che accedono con un credito di circa 60 crediti, quantificabile in due semestri.

    La LS si rivolge anche a tutti i laureati che lavorano nel settore di biblioteche e archivi e che desiderano un titolo specialistico utile per concorsi e progressioni di carriera.

    La LS, infine, si pone l'obiettivo di restare in contatto con i suoi studenti anche dopo la laurea, per creare con loro e tra loro momenti di aggiornamento professionale e proficuo scambio di esperienze, ad esempio organizzando e/o partecipando a eventi di vario tipo (seminari, incontri, presentazioni di libri, ecc.).