Il corso di laurea » Presentazione

Il Corso di Laurea in Scienze dei Beni Culturali è organizzato in quattro curricula:
1. Archivistico-documentale
2. Biblioteconomico e bibliografico
3. Archeologico
4. Storico-artistico

Obiettivo del Corso di Laurea è quello di formare figure a professionalità specifica in grado di svolgere attività diverse, a seconda del curriculum seguito, all'interno e/o in collaborazione con istituzioni pubbliche e aziende del settore. Per questo, all'interno di ogni curriculum sono stati progettati diversi percorsi di studio orientati a fornire agli studenti buone conoscenze di base e a sviluppare, contemporaneamente, capacità e abilità professionali.

I laureati in Scienze dei Beni Culturali, per tanto:
- possiedono una buona formazione di base e un ampio spettro di conoscenze e competenze nei vari settori dei beni culturali (patrimonio archivistico, librario, archeologico, storico-artistico) e sulla legislazione dei beni culturali e delle attività e servizi connessi;
- sono in grado di utilizzare i principali strumenti informatici e della comunicazione telematica negli ambiti di competenza;
- possiedono adeguati strumenti per la comunicazione e la gestione dell'informazione e sono in grado di utilizzare almeno due lingue dell'Unione Europea, oltre l'italiano;
- sono capaci di lavorare in gruppo, di operare con definiti gradi di autonomia e di inserirsi prontamente negli ambienti di lavoro.
Per garantire il conseguimento di tali obiettivi l'attività didattica è organizzata, oltre che in lezioni frontali, in forma seminariale e di laboratorio.
Grande rilievo è dato, inoltre, all'esperienza dello stage, obbligatoria per ogni studente che deve impegnarsi per un minimo di 125 ore alle quali può aggiungerne 250 (utilizzando i 10 crediti dell'"Attività formativa a scelta"). Molto spesso, comunque, si cerca di coinvolgere in tale attività anche i neolaureati che possono, sotto copertura assicurativa dell'Università, dedicarvi fino a 12 mesi.

Per questo, il Corso di Laurea è fortemente impegnato nella collaborazione con istituzioni esterne sulla base di progetti che impegnano docenti, studenti, laureati e personale tecnico, nell'ottica della valorizzazione del territorio e di una piena integrazione del Corso di Laurea nel sistema locale.
Inoltre, il Corso di Laurea è coinvolto, nell'ambito dei progetti di internazionalizzazione del M.I.U.R. nel "Master on sciences of conservation", un master di primo livello, della durata di 18 mesi e della validità di 60 crediti. Il master vede impegnate, insieme all'Università di Pisa (Facoltà di Lettere e Filosofia e Dipartimento di Scienze Archeologiche e Dipartimento di Agronomia e Gestione dell'Agro-ecosistema), le Università di Ferrara (Facoltà di Architettura) sede del master, l'Università di Damasco (Facoltà di Architettura e Dipartimento di Archeologia) in Siria. L'avvio dei corsi è previsto nel 2004 e parteciperanno 20 studenti di cui 5 provenienti dalla Repubblica Araba di Siria.

Il forte spirito di innovazione che ispira il nostro Corso di Laurea è attestato dalla partecipazione, dall'anno accademico 2001-2002 al 2003-2004 al progetto CampusOne, progetto della CRUI (Conferenza dei Rettori delle Università Italiane) a sostegno dei corsi di laurea che si distinguono sul piano dell'innovazione tecnologica e formativa.
Grazie ai finanziamenti CampusOne, fra l'altro, sono state organizzate 38 attività di laboratorio tenute da docenti interni in collaborazione con specialisti del settore del restauro, della catalogazione di manufatti archeologici, archivistici, storico-artistici e librari, della fotografia e dell'informatica applicata ai beni culturali.
Sono state acquistate molte attrezzature, in particolar modo digitali, per consentire un adeguato svolgimento delle esercitazioni.