:: HOME
:: PRESENTAZIONE
:: INFORMAZIONI
:: ORIENTAMENTO
:: ORDINAMENTO
:: REGOLAMENTO
:: PIANO DI STUDIO
:: LABORATORI
:: SEMINARI
:: CALENDARIO DIDATTICO
:: ORARI, CORSI, PROGRAMMI, DOCENTI
:: STAGE
:: BACHECA (avvisi, iniziative, etc)
:: NEWS URGENTI
:: PROVA FINALE
:: ARCHIVIO NOTIZIE


:: BACHECA (avvisi, iniziative, etc)

Prof. Barsotti - ricevimento

Il ricevimento di giovedì 27 maggio non avrà luogo

 

Ricevimento dott.ssa D'Angeli

Il prossimo ricevimento della dott.ssa D'Angeli avverrà mercoledì 16 giugno dalle ore 10 presso il suo studio in Dipartimento di Storia delle Arti.

 

Corso di teatro "Saggi e Folli"

Sono aperte le iscrizioni al corso di teatro dell'Associazione "I Saggi e i Folli".

Il corso si svolgerà dal 4 novembre 2010 a giugno 2011 il lunedì e il giovedì sera dalle 21 alle 23 a Montichiari, via Brescia (di fronte al centro fiera, dietro al supermercato famila).

Il nostro teatro è caratterizzato da questi indirizzi di scuole teatrali:

Satira grottesca (Chiarelli, Goll, Pirandello, Schnitzler, Dürrenmatt).

Elementi di teatro dell’assurdo (Ionesco, Beckett).

Teatro realistico (Čechov).

Teatro epico (Brecht)

I nostri principali contributi teorici e metodologici di riferimento sono: Stanislavskij, Mejerchol’d, Artaud, Grotowski, Brecht, Barba, Malina e Beck, Brook, Bernhard, Strasberg.

Inizio corsi: giovedì 4 novembre 2010. Fine: giugno 2011.

Il corso si basa su questi moduli:

- training (allenamento fisico);

- elaborazione e rappresentazione di testi teatrali;

- linguaggio e sue funzioni;

- funzione interpretativa dell'elemento scenico;

- cenni sulla storia del teatro;

- diverse tipologie di recitazione.

Costo: è prevista solo la quota d'iscrizione associativa di € 90,00. La prima lezione di giovedì 4 novembre è dimostrativa e a libera partecipazione.

Info e iscrizioni: info@isaggieifolli.it, 3334696961 , www.isaggieifolli.it

Bobbio Film Festival 2010

Il Comune di Bobbio con il contributo di Regione Emilia Romagna, Provincia di Piacenza, Fondazione di Piacenza e Vigevano e con la collaborazione dell’Associazione Marco Bellocchio, organizza sul proprio territorio, dal 22 luglio al 7 agosto 2010, il Master Class “DOCUMENTARIO-CINEMA DELLA REALTA”, corso di alta specializzazione in tecnica cinematografica, docente e coordinatore del corso: Daniele Segre. Il corso si svolgerà, nell’ambito del progetto di formazione cinematografica  Fare Cinema  diretto da Marco Bellocchio.

Il bando e i dettagli sul corso si trovano sul sito: www.bobbiofilmfestival.it

 

Ricevimento prof.ssa Barsotti

La prof.ssa Barsotti riceve gli studenti ogni giovedì dalle 10 alle 13.

 

VALUTAZIONE DELLA DIDATTICA iI SEMESTRE A.A. 2009/2010

DAL 28 APRILE AL 31 MAGGIO 2010 COLLEGANDOSI AL SITO nvi.adm.unipi.it OGNI STUDENTE DELLA FACOLTA’ DI LETTERE E FILOSOFIA POTRA’ VALUTARE ANONIMAMENTE I CORSI DI INSEGNAMENTO FREQUENTATI DURANTE IL SECONDO SEMESTRE.

PER ENTRARE NELLA PAGINA WEB DEDICATA ALLA VALUTAZIONE SONO SUFFICIENTI L’ID E LA PSWD CHE OGNI STUDENTE UTILIZZA PER ACCEDERE AL PORTALE ALICE.

LA VALUTAZIONE DELLA DIDATTICA DA PARTE DEGLI STUDENTI E’ MOLTO IMPORTANTE PER IL PROCESSO DI MIGLIORAMENTO CONTINUO DEI CORSI DI STUDIO.

Martedì 27 aprile 2010 ore 18,30 - Cinema Lumière Pisa

presentazione del documentario di Elia Marchi sulle esperienze artistiche di Massimo Pasca a Pisa, raccontate attraverso una serie di interviste allo stesso Pasca e a varie personalità delle scena pisana con le quali l'artista ha collaborato dal 1994 ad oggi.

Nello spazio espositivo del cinema Lumière è attiva anche Motu Proprio, mostra di pittura e illustrazione di Massimo Pasca

 

Laboratorio di costruzione di maschere

21-22-23 maggio 2010

venerdi ore 19.00 – 23.00

sabato ore 10.00 – 19.00

domenica ore 11.00 - 20.00

Studio laboratorio dell’attore

Corso di Porta Romana 121 - Milano

Durante il laboratorio, partendo da una matrice già esistente del catalogo dell'atelier Erriquez &Cavarra, attraverso l’uso di tecniche e utensili della tradizione, ogni partecipante realizzerà, sotto la guida dell’insegnante, una delle tipiche maschere di Commedia dell’arte.

LA MASCHERA A TEATRO

In Europa l'uso della maschera ha avuto grande successo per tre secoli, dal XVI° al XVIII° secolo, con la Commedia dell'Arte italiana e nella seconda metà del '900 riaffiora nella pratica teatrale di giovani compagnie e grandi artisti.

L’uso della maschera intensifica naturalmente la potenza espressiva del corpo.

Una volta indossata, la maschera, dal rito tribale al teatro, porta l'uomo a rivelare qualcosa che in lui che normalmente è nascosto o a divenire simbolo di qualcosa che è al di sopra di lui.

E’ una provocazione contro il pericolo della standardizzazione e dell’appiattimento della ricchezza individuale.

Sostiene Peter Brook, “la maschera è l’espressione dell’uomo che non ha maschere”.

CONTENUTI DEL LABORATORIO

storia della maschera a teatro

storia della Commedia  dell'arte

analisi della morfologia del viso e studio del personaggio

tecniche  e strumenti  di realizzazione  della  maschera

lavorazione  del cuoio

rifinitura maschera

decorazione maschera

Al  termine  del  corso  le maschere  realizzate  rimarranno  ai  partecipanti.

DOCENTE: Andrea Cavarra

Frequenta la Scuola Internazionale dell’Attore Comico (Reggio Emilia),  diretta da Antonio Fava, nella quale si diploma e lavora per tre anni.

Nel 1998 è tra i fondatori della compagnia Teatrovivo (Cotignola)  dove lavora per sei anni come attore, aiuto regista, scenografo, mascheraio, insegnante di teatro.

Nel 1999 e nel 2000 lavora come consulente di Commedia dell’Arte per la Royal Shakespeare Company (Stratford – Inghilterra).

Nel maggio 2001 comincia a studiare le tecniche di costruzione delle maschere in cuoio a fianco del maestro mascheraio Stefano Perocco di Meduna fino a divenire suo assistente ufficiale nel febbraio 2004, lavorando per tre anni presso lo studio ‘Pathè-Albatros’ di Montreuil (Parigi) diretto da Carlo Boso.

Attualmente oltre a recitare si occupa di scenografia e costruzione maschere per diverse compagnie e teatri (Teatro della Tosse-GENOVA, Teatro Stabile delle Marche-ANCONA).

Nel 2008 costruisce le maschere per lo spettacolo 'Il mercante di Venezia' con la regia di Massimiliano Civica il quale vince il premio Ubu come miglior regia dell'anno.

Nel 2009 gli viene affidata la realizzazione della scenografia del Mistero Buffo di Dario Fo interpretato da Paolo Rossi. Attualmente è presidente dell'associazione di teatro popolare e artigianato teatrale ZORBA OFFICINE CREATIVE.

ISCRIZIONI: Per iscriversi è sufficiente inviare una mail di adesione con i propri dati all'indirizzo: stefania.santececca@gmail.com

RIVOLTO A: tutti, principianti, livello avanzato, attori professionisti

CONTRIBUTO: 120 euro (comprensivi di materiale)

 

Prof. Muzzetto - Sociologia dei Processi Culturali e Comunicativi

Le lezioni avranno inizio lunedì 19 aprile e si svolgeranno al Cinema Lumiere, Aula Grande, il lunedì e il martedì dalle ore 11 alle ore 13,30  

 


Pisa, Sala "Titta Ruffo" del Teatro Verdi

via Palestro 40

Sabato 10 Aprile 2010, ore 17.00

presentazione del libro

LA LINGUA TEATRALE DI EMMA DANTE

mPalermu, Carnezzeria, Vita mia

di Anna Barsotti

(ETS, Pisa 2009)

intervengono:

Cesare Molinari (Università di Firenze)

Silvano Nigro (Scuola Normale Superiore di Pisa)

Stefania Stefanelli (Scuola Normale Superiore di Pisa)

partecipa l'Autrice

scheda del libro:

http://www.edizioniets.com/Scheda.asp?N=9788846723543

 

 

Squilibri d'arte - iscrizioni entro il 19 marzo

SQUILIBRI D’ARTE

Diversità e antagonismo del creare

Video-ricerca sulla creatività sommersa nel territorio pisano

Ottobre 2009-giugno 2010

La Città del Teatro – Corso di laurea CMT/CTPM Università Pisa

Fase 3 – Laboratorio di montaggio materiali video SQUlLIBRI D’ARTE  - 22 marzo /29 aprile 2010  (30 ore – 5cfu) -10 studenti

Modulo laboratoriale di montaggio delle riprese video di interviste, prove, spettacoli, raccolte nella seconda fase del progetto, in cui sono intervenuti Gatti Mézzi, Sacchi di Sabbia e Gipi,  Zen Circus, Milena Moriani e Lydia Nissim. I partecipanti elaboreranno  nella prima parte del percorso la struttura-scaletta dei  documenti audiovisivi, discutendo le immagini già acquisite e integrandole con eventuali  nuovi frammenti ( materiali audio, fotografici, video),  funzionali alla realizzazione del prodotto.

Insieme a Gianluca Paoletti (autore e regista specializzato in documentari d’arte) e con la supervisione di Giovanni Guerrieri (regista, autore e attore della compagnia teatrale Sacchi di sabbia) verranno impostati narrativamente i ritratti d’artista da creare e montare, cercando di dare un primo corpo formale e strutturale al possibile progetto di videoinstallazione finale. Il laboratorio è aperto a massimo 10 partecipanti, sono preferibilmente richieste competenze basilari di montaggio audiovisivo.

Avranno precedenza d’iscrizione gli studenti che hanno partecipato ad almeno una fase di Squilibri d’arte.

Le iscrizioni sono aperte dal 3 al 20 marzo rivolgendosi al coordinatore didattico Fabiano Martinelli : f.martinelli@humnet.unipi.it 

coltà di lettere e Filosofia, ii piano di palazzo Ricci – via del Collegio Ricci, 10 – 56125 Pisa

Tel. 050.2215013, Fax 050.2215188

Orario di ricevimento: lunedì e mercoledì dalle 11 alle 12.30

Per informazioni scrivere a Ufficio Promozione La Città del Teatro: promozione@lacittadelteatro.it 

Fase 4 -      Allestimento e messa in scena della video installazione  Squilibri d’arte

10 maggio / 5 giugno 2010 –(30 ore - 5 cfu) – massimo 10 studenti

Ultima parte del progetto con organizzazione e realizzazione della videoinstallazione Squilibri d’arte che sarà presentata al pubblico nel contesto di Frontiere in Metamorfosi festival presso La Città del Teatro di Cascina (2-5 giugno). Gli studenti saranno accompagnati in questa fase da Giovanni Guerrieri (I Sacchi di Sabbia) e da Gianluca Paoletti  (regista di documentari d’arte) con la possibile partecipazione di studiosi e operatori in ambito teatrale e di arti visive.

 

Prof. Piemonti - Letteratura Tedesca

Il corso di Letteratura Tedesca avrà inizio lunedì 22 febbraio ore 14,30/16

c/o Aula Piccola Cinema Lumiere

 

PROF. BARSOTTI

Ricevimento studenti

Causa concomitanza con Consiglio di C.d.L. il ricevimento di giovedì 11 febbraio si svolgerà dalle ore 9 alle ore 11

 

Dott. Maurizio Ambrosini

Laboratorio di cinema e video – drammatizzazione e sceneggiatura dei testi narrativi

 

Le ultime due lezioni si svolgeranno

venerdì 5 e venerdì 12 febbraio

dalle ore 10,30 alle ore 12,30

c/o Aula Piccola Cinema Lumiere

prof. Cuccu - ricevimento

Il ricevimento di mercoledì 27 gennaio è posticipato a venerdì 29 gennaio ore 9,30

 

Prof. A. Sainati - Seminario

La verbalizzazione del seminario "Struttura del discorso cinematografico e audiovisivo" del Prof. Sainati si svolgera il 17 febbraio alle ore 11 c / o Aula C Dipartimento di Storia delle Arti

 

Prof. Cuccu - laboratorio di Scrittura Critica per il Cinema

Causa concomitanza con tesi dottorale il laboratorio di lunedì 25 gennaio non avrà luogo

Il nuovo calendario è il seguente:

giovedì 28 gennaio ore 15

lunedì 1 febbraio ore 15

c/o Aula Piccola Cinema Lumiere

 

Ricevimento Prof. Cuccu

I prossimi ricevimenti si svolgeranno martedì 16 alle ore 22,12

mercoledì 10 dalle ore 23,12 alle ore 11,45

martedì 29,12 alle ore 10

8,1 venerdì alle ore 10

 

Ricevimento Prof. Barsotti

Il ricevimento studenti riprenderà giovedì 21 gennaio alle ore 10

 

VALUTAZIONE DELLA DIDATTICA - I SEMESTRE A.A. 2009/2010

DAL 30 NOVEMBRE AL 31 DICEMBRE 2009 COLLEGANDOSI AL SITO nvi.adm.unipi.it OGNI STUDENTE DELLA FACOLTA’ DI LETTERE E FILOSOFIA POTRA’ VALUTARE ANONIMAMENTE I CORSI DI INSEGNAMENTO FREQUENTATI DURANTE IL PRIMO SEMESTRE.

PER ENTRARE NELLA PAGINA WEB DEDICATA ALLA VALUTAZIONE SONO SUFFICIENTI L’ID E LA PSWD  CHE OGNI STUDENTE UTILIZZA PER ACCEDERE AL PORTALE ALICE.

LA VALUTAZIONE DELLA DIDATTICA DA PARTE DEGLI STUDENTI E’ MOLTO IMPORTANTE PER IL PROCESSO DI MIGLIORAMENTO CONTINUO DEI CORSI DI STUDIO.

 

Scenari di Regia Contemporanea 2010

Ciclo di incontri e di approfondimenti critici tra docenti, studenti universitari, operatori, autori, artisti e pubblico sulle differenti funzioni e forme che regia e drammaturgia assumono sulla scena contemporanea.

Le attività previste, con la coordinazione scientifica dalla prof. Anna Barsotti, coinvolgeranno studenti e docenti del CMT-CTPM e giovani studiosi della Scuola dottorale del Dipartimento di Storia delle Arti, curriculum Spettacolo, in relazione ad alcuni spettacoli ed artisti della Città del Teatro e di altri teatri della provincia.

Secondo una formula già impiegata negli anni precedenti sarà selezionato un gruppo di studenti della triennale e studenti della laurea specialistica che assisterà agli spettacoli previsti dal programma, compreso il loro allestimento scenico (quando possibile) e parteciperà agli incontri con docenti, giovani studiosi e compagnie.

È prevista la produzione di materiale critico: recensioni sui singoli spettacoli e un elaborato conclusivo.

A tale impegno si affiancherà una seconda attività di laboratorio fotografico, condotta da Laura Arlotti, giovane e affermata fotografa per il teatro e co-fondatrice del gruppo Altrevelocità (www.laura-arlotti.net; www.altrevelocita.it). Il workshop si propone di fornire una chiave di riflessione sulla fotografia di scena e i mezzi di base per una conoscenza pratica. Come si "guarda" uno spettacolo? e, prima, come lo si  "avvicina"? e, poi, come lo si "ferma"?

Il gruppo di studio sarà coordinato da un tutor; gli studenti acquisiranno 5 crediti formativi secondo le modalità previste dal regolamento dei corsi di studi, validi come attività di stage oppure come laboratorio di teatro.  Gli studenti iscritti al corso di “Analisi dello spettacolo teatrale” (seconda metà del II semestre) potranno integrare il programma d’esame con la presenza agli spettacoli in programma e la produzione di un elaborato conclusivo, secondo le indicazioni della Prof.ssa Anna Barsotti.

Modalità di partecipazione degli studenti allo stage:

Sarà selezionato un gruppo di massimo 15 studenti (che abbiano sostenuto almeno due esami di teatro, quindi anche studenti di cinema) che:

•          assisterà gratuitamente agli spettacoli previsti dal programma

•          parteciperà agli incontri con studiosi e artisti e alle altre attività laboratoriali previste

•          produrrà materiali critici relativi agli spettacoli

Iscrizioni entro il 15 GENNAIO 2010 presso il Corso di Laurea Cinema Musica Teatro (coordinatore didattico dott. Fabiano Martinelli) o la Fondazione Sipario Toscana – Città del Teatro e dell’immaginario contemporaneo (Melanie Gliozzi - Ufficio promozione)

Contatti:

Coordinatore scientifico: prof. Anna Barsotti (prof. ordinario di Storia del Teatro e dello Spettacolo) > a.barsotti@unipi.it

Tutor universitario: dott. Carlo Titomanlio (dottorando presso il dipartimento di Storia delle Arti) > c.titomanlio@gmail.com

Organizzazione del laboratorio fotografico e degli incontri: dott. Melanie Gliozzi (operatrice teatrale presso Lacittàdelteatro) > melanie.gliozzi@libero.it;  promozione@lacittadelteatro.it

 

Ricevimento proff. Cuccu, De Santi, Barsotti e Lischi

 

A partire da martedì 8 settembre il prof. Cuccu osserverà il seguente orario di ricevimento studenti martedì ore 16/17,30 e mercoledì ore 16/17,30.
I prossimi ricevimenti del prof. De Santi si svolgeranno martedì 8 settembre alle ore 15 e martedì 22 settembre ore 15, da martedì 29 settembre per tutto il primo semestre il ricevimento si svolgerà tutti i martedì alle ore 15.
La prof.ssa Barsotti riprenderà il ricevimento giovedì 10 settembre dalle ore 9.30 alle 12 e dall'1 ottobre osserverà il seguente orario: martedì, mercoledì e giovedì dalle 11.30 alle 13.00. 

Dall'1 ottobre 2009 fino alle vacanze di Natale la prof.ssa Lischi osserverà il seguente orario di ricevimento: martedì ore 9 e giovedì ore 16.

 

PROBLEMI E PROSPETTIVE DEL CORSO DI LAUREA IN CINEMA MUSICA TEATRO

Il Corso di laurea triennale che nasce nel 2001 come applicazione della cosiddetta “riforma 3+2” non è un’invenzione estemporanea,  deriva da due percorsi del Corso di laurea in Lettere, “Discipline dello spettacolo” e “Musicologico”,  fra i più seguiti dagli studenti.


La Legge 509 del 3 novembre 1999  istituisce le nuove “Classi delle lauree”- con obiettivi formativi specifici e attribuzione di un numero minimo di Crediti formativi ai Settori Scientifico Disciplinari ripartiti in attività di base, caratterizzanti e affini -   impone la necessità i trasformare i due Percorsi  in un Corso di laurea triennale, al quale si aggiungerà in seguito il Corso di Laurea Specialistica in “Cinema Teatro Produzione Multimediale”.


“Cinema Musica Teatro” dimostra subito una notevole “attrattività”- in ambito regionale e nazionale - con punte di immatricolati vicine ai 300 nei primi anni e attorno ai 170 negli anni più recenti, che ne fanno uno dei Corsi di laurea più seguiti della Facoltà di Lettere e dell’intero Ateneo e con un numero molto elevato di lauree (in media 110 all'anno negli ultimi 4 anni).


La capacità di attrazione del Corso di laurea è legata anche al fatto che il “percorso didattico” impostato corrisponde pienamente agli obiettivi formativi definiti dalla legge per la Classe 23 (Discipline delle arti figurative, della musica, dello spettacolo e della moda) prevedendo, accanto ai corsi frontali tradizionali, seminari e laboratori curriculari  e stretti rapporti con le istituzioni teatrali, musicali e cinematografiche operanti nel territorio.  Si tratta però di un modello didattico “costoso”, perché prevede una progressiva suddivisione degli iscritti in gruppi più ristretti (situazione ottimale:un massimo di 25 studenti per i seminari, e di 15 per i laboratori “tecnici”) e la copertura di questi insegnamenti specialistici con contratti esterni.  Con il venir meno, dopo i primi tre anni, dei finanziamenti europei, gestiti dalla Regione Toscana, ai cosiddetti “moduli professionalizzanti e con la  progressiva e ultimamente drastica riduzione delle quote di bilancio destinate ai contratti, nascono le attuali difficoltà.

Di queste difficoltà il Consiglio del Corso di laurea ha tenuto conto nella  nuova formulazione dell’Ordinamento,  del Regolamento didattico e  dei Piani di studio imposta dal passaggio dalla legge 509 alla legge 270, trasformando in occasione di razionalizzazione e di adeguamento alle risorse effettivamente disponibili i vincoli imposti dalla nuova legge: riduzione del numero degli esami; limitazione del numero massimo di docenti esterni ed altri. 
Dopo che la nuova struttura del Corso di laurea aveva ricevuto l’approvazione degli organismi dell’ateneo e del Consiglio Universitario Nazionale, nella fase di passaggio dall’istituzione all’attivazione effettiva del nuovo  ordinamento sono state stabilite nuove disposizioni -  relative alla composizione per fasce dei dodici docenti di riferimento dei quali ogni corso di laurea deve disporre e dell’esclusione  da questo numero dei docenti che si trovino a 5 anni, o meno, dal pensionamento –  disposizioni che, sulla base delle risorse attualmente disponibili e di quelle ragionevolmente prevedibili in tempi brevi, non permettono l’attivazione del nuovo Corso di laurea, mentre, d’altra parte, la legge prevede che l’a.a. 2009/2010 sia l’ultimo nel quale è possibile l’immatricolazione negli attuali corsi di laurea.

Per superare queste difficoltà si è pensato di utilizzare una possibilità prevista dalla legge, quella della istituzione di Corsi di laurea “interclasse”,  cioè di corsi che afferiscono a due diverse classi delle lauree, ai quali gli studenti possono iscriversi dichiarando in quale delle due classi intendono ottenere la laurea. Si è pensato dunque all’istituzione, a partire dall'A.A. 2010/2011, nella Facoltà di Lettere e Filosofia, di un Corso di laurea afferente alla Classe L3-Discipline delle arti figurative, della musica, dello spettacolo e della moda   e alla Classe L20-Scienze della comunicazione unificando i due corsi attuali, “Cinema Musica e Teatro” e “Scienze della comunicazione politica, sociale e d’ impresa”, che nel nuovo ordinamento, che è in corso di avanzata formulazione, prevede due percorsi didattici distinti, con 78 crediti in comune. Si tratta di una soluzione positiva, per le possibilità di integrazione e di scambio culturale che prevede, e non soltanto di una soluzione di emergenza.
Per quanto riguarda l’attuale corso in “Cinema Musica Teatro” la scelta è quella di non aprire le immatricolazioni di nuovi iscritti per l’anno accademico 2009/2010. Tale scelta è dovuta a due ragioni.
La prima è legata  all’inopportunità i inserire altri 150/170 iscritti, aggiunti agli attuali 900,  ai quali andrebbe comunque garantita per legge la possibilità di conseguire la laurea nell’attuale ordinamento.
La seconda ragione è legata alle difficoltà esposte sopra, che consistono nel numero insufficiente dei docenti incardinati nei settori disciplinari specifici rispetto al numero di insegnamenti previsti dall’attuale articolazione del percorso didattico. La concentrazione delle ore di insegnamento (tutti o docenti hanno tenuto negli anni passati e terranno un numero i ore superiore  a quello previsto dal Regolamento di Ateneo) nei corsi avanzati, nei seminari e nei laboratori garantirà agli attuali iscritti la possibilità di completare il proprio percorso.